Quartetto vocale creato nel 2000, il Quartetto Urbano presenta concerti e spettacoli di canti di tradizione orale italiani e composizioni contemporanee. Tra gli autori Giovanna Marini, Antonella Talamonti, Xavier Rebut.

 

Il quartetto è composto da: Germana Mastropasqua, Flaviana Rossi, Michele Manca e Xavier Rebut, la direzione musicale è di Xavier Rebut.

 

Il gruppo nasce con l'intento di raccontare, attraverso la ricerca sui timbri e l’unicità dei colori delle voci, l'Italia della tradizione orale e della memoria, le ricerche sul campo e gli incontri con i cantori popolari, ma anche con il bisogno di raccontare il presente in una Italia in continua trasformazione. A quattro voci il quartetto esplora modi diversi di cantare, di pensare la musica e di inventarla.

 

Questo approccio si è sviluppato grazie alla collaborazione alle ricerche di Giovanna Marini (con la Scuola Popolare di Musica di Testaccio), e alla partecipazione al suo fianco a vari concerti e progetti musicali. Questo percorso ha portato i quattro cantanti a voler cantare anche i mondi di oggi e gli autori contemporanei, applicando il linguaggio imparato nel canto tradizionale.

 

Dopo il debutto in Animarrovescio della coreografa Adriana Borriello in cui l'ensemble interpretava la musica di scena scritta da Giovanna Marini (2000), sono nati due spettacoli per quartetto vocale: Un altro modo è possibile e Mentre corre cielo e terra. Tutti e due sono stati pubblicati in cd dalla casa editrice romana ZONE DI MUSICA. Nel 2013 il quartetto crea Polifonie clandestine al Teatro Stabile di Genova e presentato nelle Abbazie di Cluny (Francia) e Bonmont (Svizzera).

 

Gli spettacoli del Quartetto Urbano sono costruiti come una grande partitura in cui si viaggia tra universi sonori che vanno dai mondi contadini alle realtà urbane. Un disegno luci e una spazializzazione dei suoni e delle voci fanno entrare il pubblico in un percorso guidato quasi solo dai suoni.

 

Nel 2012 il quartetto crea lo spettacolo Spesso il male di vivere ho incontrato - Montale e Leopardi in musica, due oratori di Giovanna Marini, dove canta con un quartetto di sassofoni per Leopardi, e con un gruppo vocale di 15 voci per Montale, sotto la direzione musicale di Xavier Rebut. Lo spettacolo è stato presentato al Festival Passages 2013 con il titolo Vita con la musica. Il cd-book è pubblicato da NOTA- HELIKONIA.

 

Il Quartetto Urbano canta insieme a Giovanna Marini in vari programmi dal 2003 e dal 2010 nel concerto Canti gloriosi di una patria che trema creato al Théâtre de la Ville di Paris per Chantiers d'Europe, il concerto che ripercorre la storia d'Italia attraverso i canti, è pubblicato in cd da NOTA.

 

Il quartetto propone regolarmente altri programmi legati alle tematiche della cultura orale: canti di lavoro, repertori sacri, canti di emigrazione, voci di donne, Resistenza oltre a un programma dedicato ai poeti.

 

Per Zone di Musica nel 2009 il quartetto ha registrato il brano "La gravosità"  di Andrea Oggioni nell’album Tamait e nel 2010 il canto anarchico "Addio a Lugano" per D’Amanti e D’Anarchisti.

 

www.myspace.com/quartettourbano

 

pagina degli spettacoli           


Discografia:

Un altro modo è possibile - Zone di Musica

Mentre corre cielo e terra - Zone di Musica

Canti gloriosi per una patria che trema -Giovanna Marini&Quartetto Urbano- NOTA

Spesso il male di vivere ho incontrato, Montale e Leopardi in musica- NOTA/HELIKONIA

"Anni 80" di Giovanna Marini in Vent'anni e più – Il Manifesto/Circolo Gianni Bosio

"La gravosità" di Andrea Oggioni in Tamait - Zone di Musica

"Addio a Lugano" in D'Amanti e D'Anarchisti - Zone di Musica

 

Pubblicazioni:

Un altro modo è possibile, partitura - Zone di Musica

Mentre corre cielo e terra, partitura - Zone di Musica (febbraio 2010)

 

Spettacoli:

Animarrovescio di Adriana Borriello

Un altro modo è possibile

L'anima mia come la vostra

Concerto per Leopardi di Giovanna Marini

Mentre corre cielo e terra

Dalla campagna alla ciità - Giovanna Marini&Quartetto Urbano

Canti gloriosi per una patria che trema - Giovanna Marini&Quartetto Urbano

Spesso il male di vivere ho incontrato

Vita con la musica

Polifonie clandestine******  ******++++++++++++++*******pagina degli spettacoli

 

Alcuni luoghi:

Théâtre de la Ville - Paris, Auditorium di Roma, Chapelle de la Salpêtrière - Paris, Abbaye de Bonmont - Suisse, Abbaye de Cluny, Festival Passages, Opéra de Metz, Abbaye de Neumünster - Luxembourg Château de Lunéville, Teatro Stabile di Genova, Teatro Valle Occupato - Roma, Valleraugue, Le Vigan, Salle Pétraque de Montpellier, Centre de culture ABC - La-Chaux-de-Fonds, Teatro Palladium - Roma,  Théâtre du Garde-Chasse - Les Lilas Paris, Académie de Mâcon, Palazzo Farnese - Caprarola, Teatro dell'Orologio - Roma, Hoffnungskirche Berlin, Christianskirche - Hamburg, Maison Folie Beaulieu - Lomme, Lille , Centrale Preneste Teatro - Roma, Le Cratère d'Alès, Museo Madre - Napoli, Teatro Quarticciolo - Roma, Palazzina Liberty - Milano, Chivasso, Lula, Casa del Teatro - Faenza, Teatro Lauro Rossi - Macerata, Museo degli Strumenti Musicali - Roma, Biblioteca Berio - Genova, Festival Hommes et Usines - Talange , Scuola Popolare di Musica di Testaccio, Teatro Municipale Valli - Reggio Emilia , Stabio, Benevento, Latronico, Ateliers du jour - Montceau-les-Mines, Hebbel Theater - Berlin, Salerno

Quartetto Urbano - disegno di Jean-Guy Paratte

 

Il Quartetto Urbano partecipa alle attività e sostiene il Circolo Gianni Bosio di Roma (tra cui: "Bosio Cinema" Rassegna del film antropologico, Discoteca di Stato, Roma), l'Istituto Ernesto De Martino di Sesto Fiorentino e La Lega di Cultura di Piadena.

Nel 2003 è stato invitato da Libera, associazione nomi e numeri contro le mafie, nella giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie svoltasi a Modena, per cantare "E adesso", brano scritto da Giovanna Marini in ricordo dei giudici Falcone e Borsellino uccisi dalla mafia.

 

  ************** disegno di Jean-Guy Paratte**********